Appalti pubblici: il Portale della trasparenza

Il “Portale della trasparenza”, on line dal dicembre del 2012, è il primo portale degli appalti pubblici in Italia. Il servizio consiste in un sistema di ricerca, all’interno del sito dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, che consente la navigazione via web dei dati relativi a tutti gli appalti pubblici pubblicati in Italia a partire dal 1° Gennaio 2011.

Il “Portale della trasparenza”, on line dal dicembre del 2012, è il primo portale degli appalti pubblici in Italia. Il servizio consiste in un sistema di ricerca, all’interno del sito dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, che consente la navigazione via web dei dati relativi a tutti gli appalti pubblici pubblicati in Italia a partire dal 1° Gennaio 2011.
 
Con delibera n 26 del 22 maggio 2013 (G.U. n. 134 del 10 giugno 2013) l’Autorità ha provveduto a pubblicare le informazioni di “parte di provvedimenti in formato grafico” (art. 3 della delibera), attraverso il Portale trasparenza e ad attivare la funzionalità per l'esportazione in formato aperto dei dati già trasmessi all'Osservatorio dei contratti pubblici e pubblicati sul sito web dell'Autorità.
 
Questa funzione permette, ai soggetti che hanno effettuato le comunicazioni, di riacquisire ed integrare i dati già trasmessi in un formato idoneo ad agevolare l'assolvimento degli obblighi di pubblicazione sui propri siti web istituzionali. Tali obblighi, che fanno riferimento alle informazioni di cui all'art. 3 della delibera, restano comunque a carico delle singole stazioni appaltanti.
 
Il Portale, insieme al sistema di monitoraggio dei contratti pubblici (SIMOG) rileva e pubblica informazioni per contratti di importo superiore a 40.000 euro.
 
Al fine di garantire la trasparenza degli appalti pubblici (come previsto dall’ art. 8 comma 1 del Decreto Legge 7 maggio 2012, n. 52), il portale rappresenta lo strumento con cui l'Osservatorio dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi eforniture rende noti i dati e le informazioni comunicati dalle stazioni appaltantiai sensi dell'articolo 7, comma 8, lettere a) e b), del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163.
 
Dai primi mesi del 2013 è possibile scaricare i bandi di gara in formato pdf ed è disponibile la versione accessibile per “mobile” e “smartphone”.
Oltre alla consultazione dei dati, gli utenti possono inviare una email all’Autorità, attraverso l’apposito link “Invia Commento” presente all’interno della “Scheda Gara”, per segnalare eventuali incongruenza nei dati pubblicati, al fine migliorare la qualità dei dati stessi.